Personaggi importanti

STUCCATORI, ARTISTI E EMIGRANTI

Adamo di Arogno (XIII secolo) – Architetto comacino, attivo agli inizi del sec. XIII nel Trentino. Sua opera principale è il duomo di Trento (iniziato nel 1212, poi continuato dai figli e nipoti); più particolarmente la parte absidale. Il duomo, pur essendo sostanzialmente romanico nell’impianto, presenta già, nelle parti attribuite alla famiglia, quell’influsso del gotico francese che Adamo di Arogno fu tra i primi in Italia a sentire.. Gli si possono attribuire, poi, i due portali con leoni stilofori della parrocchiale di Bolzano e di S. Apollinare di Trento. A lui è dedicata la piazza a sud del Duomo, un tempo cimitero, dove venne seppellito.

Fonti: Treccani, Sapere, Wikideep, Dizionario Storico della Svizzera.

Andrea Colomba (1567 Arogno – 1627 Arogno ) – Figlio di Antonio, riceve una formazione artistica specializzata nella realizzazione di decorazioni a stucco. Nel maggio 1615 l’assemblea del patriziato lo nomina rappresentante presso il vescovo di Como Filippo Archinti onde ottenere la fondazione della confraternita della Madonna del Rosario, di cui più tardi nel 1625 diventerà il priore, proprio l’anno in cui i confratelli decidono di erigere nella parrocchiale la nuova cappella del Santissimo Rosario, perfino osteggiata dal vescovo Lazzaro Carafino per le sue eccessive proporzioni.
In collaborazione col figlio Giovanni Antonio decorò la Cappella delle Santissime Croci, al Duomo Vecchio di Brescia (1596-1605). Tra i suoi lavori constano poi la navata laterale sinistra del Santuario di Santa Maria delle Grazie, a Brescia, sempre in collaborazione col figlio Giovanni Antonio (1602-1617) e la Cappella della Madonna del Rosario alla Chiesa parrocchiale di Santo Stefano ad Arogno (1625-1630).

Fonti: Wikipedia, Dizionario Storico della Svizzera.

Giovanni Antonio Colomba (1585 Arogno – 1950 Arogno) – Impara il mestiere di stuccatore lavorando col padre a Brescia. Gli sono attribuiti un altorilievo del 1615 circa nell’Oratorio di San Nicola di Bari, sul monte Stella sopra Mendrisio, la decorazione a stucco della Cappella della Beata Vergine Maria del Rosario nella chiesa parrocchiale di Arogno (1630), una cappella della chiesa di Vico Morcote (1630), il Duomo di Valenza (1633), lavori a Bissone, Maroggia e Rovio (1630-1640) e ancora la Chiesa di Arogno nel 1638.

Fonti: Wikipedia, Dizionario Storico della Svizzera.

Giovanni Battista Colomba (1638 Arogno – 1693 Varsavia) – Parente di Giovanni Antonio, pittore, stuccatore e architetto formatosi probabilmente a Torino. Lavorò in Austria (1670-1680) e Polonia, collaborando con Giovanni Bartolomeo Cometta. Probabilmente suoi sono i dipinti della Cappella del Suffragio e delle pareti del coro nella Chiesa di Arogno.

Fonti: Wikipedia, Dizionario Storico della Svizzera.

Luca Antonio Colomba (1674 Arogno – 1737 Arogno) – Figlio di Giovanni Battista, per diversi anni occupò un impiego stabile come funzionario di corte del principe Eberhard Ludwig, consolidando la propria fama di pittore. Per cinque anni si occupa della decorazione delle volte laterali della cappella di corte di Ludwigsburg. Si sposta tra Svizzera, Italia, Ungheria e Germania. Tra i paesi in cui lavora figurano Lugano, Francoforte, Bülk, Heilbronn, Schöntal, Lanzo d’Intelvi e Arogno (decorazione della Cappella di Sant’Antonio).

Fonti: Wikipedia, Dizionario Storico della Svizzera.

Giovanni Battista Innocenzo Colomba (1717 Arogno – 1801 Arogno) – Nipote di Luca Antonio, fu direttore dell’Accademia delle Arti di Stoccarda, mentre dal 1769 al 1771 è scenografo al Teatro Regio di Torino. Dal 1774 al 1780 è a Londra per dipingere e lavorare al King’s Theatre. Nel 1780 tornò ad Arogno.

Fonti: Wikipedia, Dizionario Storico della Svizzera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...