Progetto di massima

Arogno tra sogni e ricordi: l’identità rurale tra memoria e futuro

Realizzazione di Heura Posada e Mosè Cometta un progetto del Municipio di Arogno con l’apoggio dalla Commissione Culturale


Scopo del progetto:

Lo scopo del progetto è riuscire a delineare cosa definisce l’identità di Arogno, la peculiarità arognese, e quindi, una volta definita, ottenere le linee direttrici per uno sviluppo sostenibile, che valorizzi e si rafforzi il comune in base a questa identità. Con questo lavoro ci proponiamo quindi di dare un senso unitario, una visione d’insieme su Arogno, e tracciare così la via più sostenibile per un suo sviluppo coerente, che si basi nel passato senza esserne prigioniero per potersi proiettare e progettare nel futuro.

Metodo:

Per farlo utilizzeremo le teorie sociologiche rurali contemporanee e i paradigmi propri della ruralità. Questi risaltano appunto la questione identitaria e il localismo come possibilità di sviluppo per un economia qualitativa e sostenibile, allontanandosi dall’ideologia produttivista – poco rispettosa dell’identità particolare e della ruralità in genere.

Per la realizzazione del lavoro pratico utilizzeremo due metodi: quello quantitativo e quello qualitativo.

Quantitativo: questo metodo consiste nell’analisi dei dati sociali ed economici – che comprende la realizzazione di grafici e tabelle per facilitarne la comprensione. Le nostre fonti saranno l’USTAT (Ticino), l’EUROSTAT (UE) e il POPIN (ONU). Grazie all’informatica, possiamo svolgere questa prima parte dell’analisi a distanza. In un secondo momento abbiamo l’intenzione di confrontare questi dati con quelli a disposizione del municipio, e studiarne le eventuali differenze.

Qualitativo: Il metodo qualitativo si basa invece sull’analisi delle caratteristiche etnografiche, quali ad esempio la cultura, l’ambiente, i valori rurali e la storia del paese. Per realizzarla – attraverso l’interpretazione di racconti etnografici (interviste aperte e raccolta di storie di vita) e studio sul terreno – avremo bisogno dell’appoggio del municipio, che faccia conoscere il nostro progetto e ci metta in contatto con la popolazioneArogno Futuro: progetto di massima interessata.

Realizzazione:

Il nostro progetto si materializzerà in quattro elementi.

  • Blog: Gran parte del nostro materiale verrà pubblicato sul blog https://arognofuturo.wordpress.com dove stiamo iniziando a raccogliere i primi dati.
  • Esposizione: Con il materiale che riterremo più consono a fornire un’idea unitaria dell’identità di Arogno organizzeremo un’esposizione che sia dinamica ed emotiva, diretta agli abitanti. 
  • Conferenza: L’esposizione sarà presentata nell’ambito di una conferenza, dove s’illustreranno le conclusioni del progetto (l’identità di Arogno) e le vie per un futuro rispettoso della ruralità specifica.
  • CD: Il materiale audiovisivo della mostra sarà messo a disposizione del pubblico attraverso dei CD.

Breve CV:

Heura Posada, classe 1988, spagnola (Barcellona), sta finendo la laurea di Sociologia all’Universitat de Barcelona (Barcellona) alla Facoltà di Economia. Tra i suoi studi spiccano Sociologia rurale, Tecniche di ricerca sociale quantitative e qualitative, Antropologia e gestione di progetti (Collegio di politologi e sociologi di Catalogna). Ha coordinato un lavoro sull’identità rurale di Sant Martì Sarroca, suo paese natale (http://heurainalberto.wordpress.com/). Attualmente lavora presso il Dipartimento di Sociologia e Analisi della Facoltà di Economia, con una borsa di studio nell’ambito della sociologia visiva.

Mosè Cometta, classe 1989, cresciuto ad Arogno, studente di Filosofia (3o anno su 4) all’Universitat de Barcelona (Barcellona). Sta realizzando uno studio della concezione filosofica e sociale della spazzatura nella modernità, è interessato ai vari fenomeni sociali contemporanei – tra i quali spicca il localismo – e tra le altre cose ha curato la traduzione di vari articoli del prof. Gonçal Mayos e sta scrivendo il prologo di un libro sulla relazione tra arte e filosofia per il Liceu Maragall.

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | 1 commento